Nuova Installazione

Come installare Zen Cart?

Attenzione: vi sono diversi all-in-one “installer preconfezionati” di Zen Cart in internet, ma nessuno di questi è stato approvato da Zen-Cart.com, in quanto si ritiene che l’installazione manuale sia l’unica scelta possibile così da sapere esattamente come è impostato il sito.Bisogna inoltre osservare che detti “installer preconfezionati” sono settati solo per installare la versione USA. L’aggiornamento automatizzato inoltre prevede la sovrascrittura dei file con l’ovvia perdita di dati e modifiche effettuate a meno che non vi sia un personale al supporto tecnico che assicuri un processo completo senza perdite.

NUOVA INSTALLAZIONE

Per iniziare…

Questa è una guida base per l’installazione di Zen Cart®. Disponendo già di uno store Zen Cart® installato per passare da una versione precedente a questa nuova release, si prega di seguire le apposite “istruzioni per l’aggiornamento” presenti nella documentazione.

Le basi

Avete appena scaricato il software Zen Cart® per creare un negozio o show room on-line.

Ma vi sono delle domande da porsi…

 

  1. Avete a disposizione un nome a dominio?

Se la risposta è negativa ferma… Si dovrà trovare un fornitore di servizi affidabile che possa aiutare nel registrare il nome a dominio scelto e risponda alle esigenze di un hosting affidabile, sicuro e che soddisfi i requisiti del software Zen Cart®

 

  1. Avete a disposizione un software FTP?

Se la risposta è negativa ferma… Ci si dovrà munire di un programma FTP come ad esempio FileZilla (gratuito su Windows e Mac) per trasferire i file dal computer al webserver e viceversa.

Nota: webserver significa, il “sistema” in internet che ospita il dominio acquistato (vedi sopra #1).

NOTA: Molti utenti hanno avuto timeout e altri problemi quando utilizzano programmi come SmartFTP e CuteFTP. Si consiglia di non utilizzare questi programmi problematici.

NOTA 2: Se il fornitore di hosting dispone di un programma FTP che viene eseguito nel browser, si sconsiglia di utilizzarlo per il caricamento di grandi quantità di file come ad esempio una nuova installazione di Zen Cart®. Questi sistemi vanno bene per il caricamento di file singoli, ma sono inaffidabili per più file contemporaneamente.

NOTA 3: alcuni programmi come Dreamweaver sono dotati di funzionalità FTP ma si sconsiglia di utilizzare questi programmi per caricare più di un file alla volta, dal momento che spesso non sono in grado di fare upload massiccio in maniera corretta e notificare eventuali errori: è sempre meglio utilizzare un programma dedicato alla sola attività FTP, e non qualcosa che ha abbia la capacità di fare anche un rudimentale FTP.

 

  1. Avete a disposizione un buon editor di testo?

Se la risposta è negativa ferma… Ci si dovrà munire di un buon software di modifica del testo come Notepad ++ (gratuito), UltraEdit , CrimsonEditor (gratuito), BBedit / TextWrangler (Mac), kedit (linux), o qualche altro tipo di editor di testo per modificare i file nel software Zen Cart® …

NOTA : non utilizzare cPanel o simili per la modifica dei file, né MS Word o altro software progettato per la videoscrittura… Serve un editor di testo pulito.

È possibile utilizzare il Blocco Note di Windows… anche se limitato nella capacità e la dimensione dei file che si può aprire e spesso può causare problemi… Perciò Notepad ++ di cui sopra è la scelta consigliata.

  1. Si ha accesso al pannello del webserver per creare un database MySQL e utente?

Prima di procedere, assicurarsi di avere accesso ad un database MySQL, con indirizzo ed il nome utente e la password di quel database. Potrebbe essere necessario creare prima il database utilizzando il pannello di controllo del webserver oppure contattare il fornitore di hosting per questo tipo di assistenza. Il sistema Zen Cart® non può creare il database autonomamente.

(Necessari i seguenti permessi per utente MySQL: SELECT, INSERT, UPDATE, DELETE, CREATE, ALTER, INDEX, DROP. Per un host Hsphere, disporre accesso “dba”, o comunque lettura / scrittura..)

Tutto pronto?

Rispondendo sì a tutte e 4 le domande, allora si è pronti per andare avanti…

File ZIP

Se state leggendo questa pagina dal computer, probabilmente avete già decompresso la distribuzione Zen Cart® e il suo contenuto in una cartella sul vostro personal computer. Se per qualche motivo non lo aveste già fatto, decomprimere ora i file sul vostro PC, mantenendo la struttura dei file come sono all’interno del file zip.

Caricare il set di file Zen Cart® nel webserver.Caricare via FTP l’intero programma nella root o in una cartella sul server. Esempio: /catalogo(useremo “/catalogo” come esempio in questo documento, ma si può scegliere sia nessuna cartella cioè la root del dominio o qualcosa d’altro come “/zencart”, oppure “/store”, ecc)

NOTA: nel caricare il set assicurarsi che il programma FTP e il webserver permettano “nomi file lunghi”. Alcuni vecchi software FTP potrebbero abbreviare i nomi più lungo di 11 caratteri e questo potrebbe causare un problema con il caricamento dei file di Zen Cart.

 

In quale cartella posso caricare?

Ogni hosting web ha la sua maniera di definire le cartelle per l’uso nella gestione di un sito web.

Si possono avere molti file che non saranno mai disponibili al pubblico. Quelli che sono disponibili per l’accesso via browser sono di solito in una cartella denominata ad eempio:

– /home/YOURNAME/public_html

oppure

– /var/www/YOURNAME/httpdocs

oppure

– /usr/accounts/a/b/YOURNAME/httpd

etc, etc, etc

 

In sostanza via FTP si deve cercare un “www” o “public_html” o “htdocs” o “httpdocs” o cartella “wwwroot”. Questi sono i nomi comuni delle cartelle per quello che viene indicato come la “root” del dominio, coè dove tutti i contenuti del sito sono serviti via browser.

I file di Zen Cart (o “qualsiasi file” per visualizzare il sito web) devono essere dentro quella cartella. Se non lo sono, allora si otterà “non trovato” o altro tipo di errore… Proprio perché il contenuto non è stato trovato!

Se non fosse chiaro dove sono da caricare i file accessibili al pubblico, bisognerà chiedere al fornitore di hosting per determinare qual’è la cartella “root” di dominio.

RICORDA: questa guida utilizza la cartella “/catalogo” come esempio. Ma non si “deve” necessariamente usare “/catalogo”. Si potrebbe usare qualcosa di diverso, o niente del tutto, se si preferisce installare nella “root” (che è la “base” del sito web nel dominio).

 

Creare i file configure.php

Due file devono essere creati sul server: sono i file configure.php che identificano le impostazioni specifiche del server e la posizione dei file appena caricati. Dopo che sono stati creati, sarà quindi necessario modificare le autorizzazioni (i permessi di lettura e scrittura) su questi file.

NOTA: i permessi possono essere cambiati tramite il programma FTP con la funzione chmod. Solitamente clic destro su una cartella o file si aprirà un menu con questa opzione (forse sotto il nome di “Proprietà”)

Sul server individuare il file: /catalogo/include/dist-configure.php

Rinominare questo file in configure.php e cambiare i permessi a 777 (lettura-scrittura-esecuzione per tutti)

Poi sempre sul server individuare il file: /catalogo/admin/include/dist-configure.php

Rinominare questo file in configure.php e cambiare i permessi a 777 (lettura-scrittura-esecuzione per tutti)

 

NOTA PER GLI UTENTI IIS: Se si utilizza IIS per l’hosting Windows, il concetto di “chmod 777” per impostare i permessi di lettura e scrittura potrebbe essere sconosciuto. In IIS, sotto Windows, è necessario fare clic destro sul file (o cartelle come indicato nella prossima sezione), e scegliere Proprietà. Poi sotto la scheda Protezione, verificare che il “Internet Guest Account”, identificato generalmente come: MACHINE_NAME \ IUSR_MACHINE_NAME… sia almeno “leggere” e “scrivere”… Ma probabilmente sarebbe meglio per dare anche “modifica”. Questo dovrebbe essere fatto su ogni file / cartella indicato. (Se l’account IUSR_MACHINE_NAME non è elencato, fare clic su “Aggiungi” e aggiungere l’account dalla lista, e quindi impostare le autorizzazioni necessarie.)

Nota: “_MACHINE_NAME” di cui sopra si riferisce al “nome del computer” o “computer name” configurato dall’amministratore del server come “nome” del server.

 

Imposta autorizzazioni per le cartelle

Quando si caricare i file sul server, il server imposterà automaticamente determinate autorizzazioni predefinite per i file e cartelle. In genere le cartelle sono impostate a 755 ed i file sono impostati su 644. La maggior parte dei server utilizzano questi valori.

Alcune cartelle e file devono avere speciali autorizzazioni “scrivibili” per l’utilizzo in Zen Cart. “Scrivibile” richiede tipicamente un permesso a 777. (Il fornitore di hosting potrebbe permettere solo 755 come scrivibile e con 777 potrebbe dare delle schermate vuote all’accesso al sito. In questo caso potrebbe bastare solo un 755. Meglio chiedere al fornitore di hosting per ragguagli.

 

Perciò è necessario modificare le autorizzazioni per le seguenti cartelle a 777 (lettura / scrittura / esecuzione). Se il programma FTP consente di impostare automaticamente le autorizzazioni “in modo ricorsivo” è meglio scegliere questa opzione.

/catalog/cache
/catalog/images
/catalog/includes/languages/english/html_includes
/catalog/logs
/catalog/media
/catalog/pub
/catalog/admin/backups
/catalog/admin/images/graphs

Nota: aprire la cartella /immagini catalogo e modificare tutte le cartelle e le sottocartelle a 777.

Ad esempio (questa è una lista parziale):

/catalog/images/attributes
/catalog/images/dvd
/catalog/images/large
/catalog/images/large/dvd
/catalog/images/medium
/catalog/images/upload

NOTA: Dimenticando una o più cartelle all’interno di /images, in un secondo momento, si otterrà un messaggio di errore perchè non attribuiti i permessi in maniera corretta a tutta la cartella.

Altre cartelle / file

Come per altre cartelle / file ii permessi possono essere settati a

  • cartelle: CHMOD 755
  • file: CHMOD 644, o 444

a seconda della configurazione del webserver man mano che vengono caricati dal programma FTP e non serve quindi impostarle a mano.

 

Prima di eseguire il programma di installazione

L’installer è abbastanza intelligente e dovrebbe essere in grado di fornire automaticamente risposte alle domande elencate di seguito, ma c’è tuttavia il bisogno di confermare che i valori rilevati automaticamente siano corretti perchè in alcuni server potrebbero differire.

 

Per l’intallazione vi sarà bisogno delle seguenti informazioni:

Il percorso fisico alla nuova directory Zen Cart®

Esempio: /home/nomeutente/public_html/catalogo

Il percorso virtuale HTTP (l’URL del dominio e la directory per il negozio)

Esempio: http://www.tuodominio.com/catalogo

 

SSL

Installando in un webserver online dove si intende elaborare le transazioni reali, è necessario pianificare in sicurezza dei dati delle transazioni dei clienti con SSL. Se non si dispone già di un certificato SSL, sarà opportuno contattare il fornitore di hosting per le opzioni disponibili. Sarà necessario inserire i dati SSL come di seguito indicato e nella maggior parte dei casi saranno corretti, a meno che non si sta utilizzando un servizio di “SSL condiviso”. Il fornitore di hosting potrà dare l’URL corretto. Se si installa per un PC locale o di un server di sviluppo dove non c’è bisogno di proteggere i dati sensibili, è possibile lasciare le impostazioni SSL ai valori predefiniti, e quando richiesta l’abilitazione SSL nel processo di installazione basta tralasciare il passaggio perchè non si è su di un webserver di produzione online.

Il server HTTPS virtuale (l’URL sicuro del dominio)

Esempio: https://www.mydomain.com

Nota: se si dispone di un certificato condiviso su un server virtuale potrebbe apparire così:

https://mydomain.secureservername.net/
– oppure – https://secure.sharedservername.net/~username

 

Il percorso virtuale HTTPS (l’URL sicuro al dominio ed alla cartella del negozio)

Esempio: https://www.mydomain.com/catalogo
– oppure – https://secure.sharedservername.net/~username/catalogo

Iniziare l’installazione

Nel browser, inserire l’URL del negozio ed il programma di installazione si avvia in automatico.

Esempio: http://www.mydomain.com/catalogo
– oppure – per avviare il programma di installazione direttamente, utilizzare: http://www.mydomain.com/catalogo/zc_install

Se ora si vede un elenco di nomi di file e cartelle, si deve contattare il fornitore di hosting per come impostare il server per rilevare ed interpretare il PHP.

Benvenuto

Verrà presentata la pagina di Benvenuto che spiega le caratteristiche di Zen Cart®.

Licenza

Cliccando su “Continua” si arriva alla schermata di licenza in cui viene chiesto di leggere e confermare l’accettazione del contratto di licenza GPL.

Controllo del sistema

Ora si esaminerà la conformità dei requisiti tecnici nel server per l’esecuzione Zen Cart® presentando diversi punti necessari o da richiedere al fornitore di hosting. Quanto segnato in rosso o con una “X” deve essere risolto prima di poter proseguire con l’installazione. Quanto segnato in arancione o giallo cioè “cautela” sono semplici avvisi che possono o meno rientrare nell’attuale processo. Le cartelle immagini e altro come precedentemente descritto saranno analizzate. Apportando modifiche al server, è possibile fare clic su Re-Check o premere F5 nel browser per aggiornare la visualizzazione e riflettere le modifiche apportate prima di procedere.

Se una versione precedente di Zen Cart® è già installata nel server, il programma di installazione tenterà di determinare il livello di patch del database e visualizzarlo a schermo.

In questo caso, un pulsante per “aggiornare” si visualizzerà nella parte inferiore della schermata per offre l’opportunità di aggiornare se necessario. Vedere le istruzioni per l’aggiornamento!

Quando soddisfatte tutte le condizoni dell’ispezione “pre-check” con OK (idealmente, tutti i controlli marcati in verde), sarà possibile procedere al clic sul pulsante “Installazione” nella parte inferiore dello schermo.

Nota: Se si riceve uno dei seguenti messaggi di errore, ritornare al precedente passaggio per assicurarsi di non aver lasciato nulla. Tutti i messaggi di errore dispongono di un ulteriore supporto tramite una finestra di pop-up,facendo clic sul collegamento presente più info:

Attenzione: problemi riscontrati

/includes/configure.php non esiste. more info …
/admin/includes/configure.php non esiste. more info …

 

Impostazioni database

Nella prossima schermata saranno richiesti i dati per il database MySQL: host, username, password e nome del database. Questi dati potranno essere ottenuti dal proprio pannello server o dal fornitore di hosting. In mancanza di un database MySQL disponibile bisognerà provvedere a crearne uno o autonomamente o richiedendolo al fornitore per ricevere un’appropriata assistenza. Senza un database MySQL e relativi dati di username e password non sarà possibile procedere oltre.

 

Altre informazioni su questa schermata:

In questo momento, MySQL è l’unico tipo di database disponibile.
Le versioni future potrebbero supportare altri tipi di database.
Si consiglia di memorizzare le sessioni di database nel database per motivi di sicurezza.

 

Set-up del Sistema

Nella pagina di configurazione del sistema è necessario inserire le informazioni precedentemente viste in “prima di eseguire il programma di installazione” in questa pagina.

Indicare se si desidera attivare SSL (le pagine sicure ove richiesto, nel login, cassa, e l’amministrazione facoltativamente) sul server. Se non si dispone ancora di un certificato SSL, non attivare la funzionalità. Il valore può essere modificato in un secondo momento.
(Vedi relativa FAQ qui per le istruzioni dettagliate di come fare).

 

Set-up del Negozio

Ora si deve inserire le informazioni del negozio online come e dove indicato.

Nota: ad eccezione dei “dati demo” tutte le informazioni qui inserite potranno essere poi modificate dal pannello di amministrazione..

Dati Demo

Per installare i dati demo selezionare SI.

Raccomandiamo l’installazione dei dati per familiarizzare con gli esempi creati che spiegano e mostrano opportunità di programmazione e funzionalità disponibili in Zen Cart®.

Si può anche decidere in seguito di creare un sito di prova con i dati demo e un sito di lavoro separato per i dati in tempo reale in modo da avere la possibilità di fare riferimento a dati demo di aiuto e vederne esempi e caratteristiche. Questo è un ottimo modo per imparare come funzionano il tutto, e quindi provare a impostare il proprio sito ed uno di test per essere sicuri di aver fatto le cose per bene. In seguito esso può essere utilizzato per aiutare a testare un aggiornamento o testare delle nuove caratteristiche e moduli aggiuntivi prima che interessani il sito live.

Dopo aver fatto clic su “salva impostazioni”, ci sarà un breve ritardo, per il tempo necessario alla creazione delle tabelle del database con i dati demo caricati se richiesto..

Set-up Amministratore

Ora, completare l’inserimento con le informazioni per l’amministratore impostando il nome di login, l’indirizzo email e la password dell’amministratore.

NOTA: sia il nome utente che la password riconoscono maiuscole e minuscole. La password amministratore deve contenere lettere e numeri e di essere un minimo di 7 caratteri. La password immessa qui sarà solo temporanea, e dovrà essere cambiata al primo utilizzo.

Salvare le impostazioni di amministrazione e l’installazione è terminata! Se non vi sono stati errori durante l’installazione ora si dovrebbe essere in grado di entrare nel pannello di amministrazione o nel catalogo.

Post installazione accedendo al catalogo, si riceverà avvisi di sicurezza riguardo i file configure.php e la directory / zc_install, nonché istruzioni per rinominare la cartella del pannello di amministratore.

File configure.php

Ora si deve cambiare i permessi sui file configure.php con chmod 644 (o 444 a seconda del server… Talvolta l’impostazione 444 non può essere fatta via FTP, nel qual caso bisogna utilizzare il pannello di controllo server o il file manager per impostare il livello di autorizzazioni.) Questi si trovano in:

/catalog/includes/configure.php
/catalog/admin/includes/configure.php

Sarebbe opportuno scaricare una copia dal server di questi file sul computer per tener copia di come sono stati impostati e configurati secondo le specifiche del server basate sul processo di installazione.

Riscontrando errori o problemi, la maggior parte di questi può essere risolto con piccole modifiche a questi due file.

 

La cartella zc_install

Concludendo sarà bene eliminare la cartella in /catalogo/zc_install in modo che nessuno possa utilizzare gli script presenti e magari cancellare il negozio.

Rinominare la cartella ADMIN

È necessario rinominare subito la cartella /catalogo/admin/ in modo che gli hacker non possano indovinare dove si trova. Questa “oscuramento” aiuta a ridurre al minimo i possibili tentativi di hackerare il negozio online.

Per rinominare la cartella, è sufficiente utilizzare il programma FTP per rinominare la cartella /admin/ in qualcos’altro… qualcosa difficile da indovinare.

 

Passi successivi

Per informazioni su “Primi passi per impostare il negozio online” , vedi la pagina Wiki dove sono elencati una serie di passaggi con una lista base di controllo.

Si dovrebbe anche familiarizzare con il “Zen Cart® Developers Toolkit”, posto nell’amministrazione in “Strumenti”. Questo aiuterà a localizzare (cioè capire dove trovare via FTP) qualsiasi cosa che si desideri personalizzare nella struttura del negozio online!

Una volta che è tutto pronto ma prima di aprire ed annunciare l’URL al pubblico, si dovrebbe effettuare una revisione di sicurezza del sito per essere certi che il sito sia sicuro ed invulnerabile agli hacker. La versione più aggiornata di questo file con le raccomandazioni può essere trovato nel Wiki Zen Cart® nelle “raccomandazioni di sicurezza”.

 

Guide e supporto

Per ulteriore assistenza e supporto problemi, visitare il nostro sito per FAQ ed il Forum di supporto tecnico.
È possibile trovare queste risorse nel Sito Zen Cart®

Buon lavoro con il software Zen Cart®!

Tagged: